Sugar Chile Robinson

Prendiamo esempio da Frank Sugar Chile Robinson che, nonostante fosse un bambino prodigio con uno stile pianistico piuttosto singolare per l’epoca (credo che il video qui sotto sia più che esplicativo), decise di studiare e di non lasciarsi ammaliare dai facili successi che sopraggiungevano rapidi:

“I wanted to go to school… I wanted some school background in me and I asked my Dad if I could stop, and I went to school because I honestly wanted my college diploma.”

La sua breve biografia su Wikipedia.org è molto chiara, così come il commento di un’utente di YouTube, Kenya Nelson: “He was sooooooooo cute! It’s great how his life turned out later, finishing his academic studies and going into psychology. Many child prodigies are not lucky when they become adults because they are either considered washed-up or they develop issues from being exploited as children. He must have come from a very supportive family.”

Sugar Chile ha preferito studiare invece di soddisfare i bisogni voraci del music business… meditate, gente, meditate…

Enjoy!

 

Annunci

ASCOLTI_20 / Eduardo Garcia

Eduardo Garcia, con la quena, esegue Virgenes del Sol. Melodia molto popolare in Perù, qui accompagnata alla chitarra.

Enjoy!

ASCOLTI_19 / Trevor Wye (2)

Trevor Wye dimostra che non servono strumenti preziosi per essere grandi flautisti… e soprattutto che basta proprio poco per divertirsi, anche senza PlayStation o iSSO [SomeStupidObject].

Enjoy!